NewsPressStartup di videogiochi: da dove partire 

Lo sviluppo dei videogiochi in Italia è in continua crescita. Sono molte le persone che vogliono intraprendere una carriera in questo settore, ma spesso iniziare non è semplice. Aprire una startup può essere un’ottima idea per inserirsi nel settore, ma come farlo e da dove partire? 

Primo passo per aprire una startup di videogiochi: definire il team  

Creare un team unito che persegue gli stessi ideali e obiettivi è essenziale per una startup. Per questo è importante definire bene tutti i ruoli e cercare collaboratori che sposino il progetto in toto. Come abbiamo analizzato qui, sono tante le figure di un team di sviluppo. I game designer e i game developer sono senza alcun dubbio le prime figure da ricercare quando si sta formando la startup di videogiochi. Successivamente, sarà utile ricercare, in base al videogioco scelto per il progetto, 3D Artist, Concept Artist ed esperti in Animazione. Soltanto dopo un’accurata organizzazione del team si può iniziare la realizzazione del videogame. Inoltre, è importante procurarsi tutti i software utili per lo sviluppo tramite le varie licenze. È consigliabile iniziare prima con software più “semplici” se il team è formato da entry level, per poi passare a software più avanzati.

Organizzazione e originalità  

Come si può ben intuire il mantra da seguire per una startup è organizzazione e originalità. Le idee chiare sono alla base di una qualsiasi azienda che vuole farsi conoscere e riconoscere. Ad esempio, è importante definire fin da subito su quale genere concentrarsi, in modo tale che quando si vorrà presentare il proprio videogioco non si confondano i potenziali publisher. Inoltre, affinché un publisher decida di produrre il progetto è indispensabile avere un’idea originale, ambiziosa, ma comunque realizzabile. Per essere certi di avere tutto ciò, è indispensabile un progetto.  

Il Pitch Day: come presentare il progetto di una startup di videogiochi 

Se ti sei informato almeno una volta su come aprire una startup avrai sentito parlare del Pitch o Pitch Day. Il Pitch di una startup è il vero e proprio progetto da presentare ai potenziali investitore. In particolare, il Pitch Day è l’occasione che ha uno startupper di convincere in pochi minuti degli investitori che il progetto sia originale e che vale la pena investirci dei soldi.  

Il pitch, però, non sono soltanto una serie di slide da presentare, ma una vera e propria analisi di mercato. La presentazione deve contenere una raccolta di dati utili da sapere qualora un publisher decida di appoggiare il progetto. 

Un pitch deve avere:  

  • Una breve descrizione del videogioco che si vuole pubblicare 
  • L’analisi dei competitor, ovvero dei videogiochi simili al nostro già presenti nel mercato 
  • I fondi necessari al completamento del progetto con una deadline ipotetica per pubblicare il videogioco 
  • Il team che ha collaborato al progetto  

Va ricordato, inoltre, che la presentazione del pitch deve essere coinvolgente e convincente. Per questo è indispensabile avere bravi comunicatori, in grado di trasmettere tutto l’entusiasmo che l’intero team ha impiegato nella realizzazione del videogioco.  

Questa tipologia di documento è utile per presentarsi agli investitori tramite iniziative dedicate di networking e fundraising per startup innovative. 

© 2021 Fondazione VIGAMUS
Ente riconosciuto dalla Prefettura di Roma con Parere positivo del Ministero dei Beni Artistici e Culturali e Del Turismo
Protocollo 976/2014
P. Iva 12464291009

Carta di Qualità

regione lazio logo

Determina G07417 del 09/06/2022
Ente Accreditato Formazione Regione Lazio

x